Vai giù

Sommelier Corner

Le denominazioni in Italia

La disciplina delle Denominazioni di Origine del vino risale in Italia al 1963, in particolare alla legge 930/1963, che identifica per la prima volta i livelli della piramide della qualità, ponendo al vertice le Denominazioni di Origine Controllata e Garantita (DOCG).


Denominazioni di Origine Controllata e Garantita (DOCG)

In realtà bisognava attendere il 1980 per vedere finalmente operative le nuove DOCG. Nel solo 1980, infatti, dopo Il Vino Nobile di Montepulciano, nascevano le DOCG Brunello di Montalcino, Barolo e Barbaresco. Erano 10 le DOCG nel 1992, quando la legge n.164 ne ha riordinato la disciplina, sulla base del regolamento CEE Nr.823 del 1987. Arriviamo quindi al 2011, quando col DM 30/11/2011vengono pubblicati i disciplinari consolidati di tutte le Denominazioni di Origine Italiane, modificati e resi conformi al Reg. CE n. 1234/2007. Questo appuntamento ha portato alla corsa all'approvazione di ben 17 DOCG nel solo 2011, che fanno seguito a 13 approvate nel 2010. Per confronto, si pensi che nel 2009 ne sono state approvate 2 e nel 2008 soltanto 4. Ad oggi (31/07/2014) si contano 73 DOCG.

La parte del leone la fa il Piemonte, con ben 16 DOCG, seguito dal Veneto (14) e Toscana (11). In fondo alla lista, Sicilia, Sardegna e Basilicata contano una sola DOCG, e Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta, Molise Calabria e Liguria nemmeno una. In quest'ultime regioni più di qualche DOC o sottozona di DOC avrebbero le caratteristiche di merito per ottenere la massima qualificazione, pertanto ci attendiamo che tali lacune verranno colmate nel prossimo futuro.


Denominazioni di Origine Controllate (DOC)

I vini DOC oltre a quanto previsto per gli IGT, devono provenire zone più delimitate, non possono essere prodotti con uve destinate a vini IGT, devono venir sottoposti ad esame chimico-fisico ed organolettico in fase di produzione. Inoltre possono essere caratterizzati dall’indicazione di sottozone o zone più ristrette a seconda del disciplinare. Possono menzionare specificità del prodotto (es. classico, superiore) se previsto dal disciplinare.

Le prime DOC furono istituite nel 1966Ischia DOC (03/03/1966), Frascati DOC (03/03/1966), Bianco di Pitigliano DOC (28/03/1966) e Arpilia DOC (13/05/1966). Quindi la palma della prima DOC Italiana è condivisa dalla DOC Ischia e Frascati.

In seguito si è riscontrato un progressivo aumento del numero di denominazioni, dovuto sicuramente al crescente interesse per l'individuazione e la scoperta dei prodotti e soprattutto alla loro qualità. Nel 1992, epoca della riordinazione delle denominazioni italiane al regolamento comunitario del 1987, le DOC erano già 193.

Con l'evolversi del mercato internazionale del vino si è poi assitito ad una vera e propria esplosione del "marketing" delle denominazioni, che vengono ancor oggi create nella speranza di "distinguere" una particolare zona dai suoi "competitori" o "valorizzare" un territorio o un prodotto. Il risultato sono ben 330 DOC (30/11/2011) di cui almeno una cinquantina di marginali, poco o per nulla rilevanti o addirittura superflue, in quanto comprendenti in molti casi intere regioni e/o aree disomogenee in termini ampelografici, colturali e di tradizione.

A quella data, col DM 30.11.2011, vengono depositati i disciplinari consolidati delle denominazioni Italiane, conformi al Regolamento Reg. CE n. 1234/2007. Da quella data in poi, l'introduzione di una nuova denominazione è soggetta ad approvazione Europea ed infatti il dilagare di denominazioni sembra aver avuto una battuta di arresto, fatto salvo naturalmente lo stillicidio di aggiornamenti dovuto a correzioni di errori o altro.

Comunque, per quel che riguarda la comprensione di una complessa materia come l'enografia, il sistema delle Denominazioni di Origine, di cui le DOC rappresentanto il blocco di gran lungo più numeroso, ci rende il grande servizio di poter organizzare e catalogare i vini italiani in base a regioni, province, vitigni e tipologie, arrivando ad avere un quadro completo della produzione nazionale e che alla fine ha permesso di costruire l'infrastruttura razionale di questo sito.


Indicazione Geografica Tipica (IGT)

Il D.P.R. 930 del 12/07/1063 prevedeva tre tipi di denominazione di origine per il vino: le denominazioni "semplici", le denominazioni "controllate" e le denominazioni "garantite". In seguito, la Legge Nr.164 del 10 Febbraio 1992 specificava che le cosidette denominazioni "semplici", ossia quelle che designa i vini ottenuti da uve provenienti "dai vitigni tradizionali delle corrispondenti zone di produzione, vinificate secondo gli usi locali, leali e costanti delle zone stesse" senza ulteriori controlli, venissero ribattezzate come I.G.T., ossia vini ad Indicazione Geografica Tipica.

Pur trattandosi di denominazioni meno "rigorose" delle DOC e delle DOCG, e quindi prevedendo limiti di zona e range di vitigni molto più ampi, regolamentazione più  libera in termini di viticoltura, vinificazione, imbottigliamento ed etichettatura, non sussistendo l'obbligo di controlli chimico fisici od esami organolettici, e non permettendo il passaggio diretto a DOCG per i loro vini, queste denominazioni risultano comunque interessanti per definire e classificare i vini Italiani in base al territorio.

Col DM 30.11.2011, vengono depositati i disciplinari consolidati delle denominazioni Italiane, conformi al Regolamento Reg. CE n. 1234/2007. A quella data si contano dunque 118 IGT, restate immutate nel numero fino ad oggi (31.07.2014). Da quella data in poi, l'introduzione di una nuova denominazione è soggetta ad approvazione Europea ed infatti il dilagare di denominazioni sembra aver avuto una battuta di arresto, fatto salvo naturalmente lo stillicidio di aggiornamenti dovuto a correzioni di errori o altro.

Più di qualche volta le IGT offrono al produttore la possibilità di "interpretare" il vino ed il territorio senza in vincoli rigorosi dei disciplinari a denominazione controllata. Questo ha fatto si che, nonstante la posizione più bassa nella cosidetta "piramide della qualità" più di qualche importante e blasonato vino ricada sotto questa classificazione.

PRIVACY POLICY

La tutela della privacy per Banfi S.r.l. è fondamentale. Banfi S.r.l. si impegna a mantenere riservate le informazioni personali degli utenti. È possibile offrire un servizio migliore facendo in modo che l'utente sia consapevole e capisca le norme e i criteri adottati per la tutela della privacy. I criteri che utilizza Banfi S.r.l. nel trattamento dei dati personali sono indicati di seguito.
 
Perchè vengono raccolti i dati personali
Banfi S.r.l. raccoglie e utilizza le informazioni personali degli utenti per garantire un servizio migliore e per facilitare l'accesso a una vasta gamma di prodotti e servizi. Inoltre, i dati personali vengono utilizzati per mantenere ogni utente aggiornato su nuovi prodotti e su altre informazioni che Banfi S.r.l. ritiene possano interessare. Inoltre, i dati personali possono essere utilizzati per contattare l'utente per invitarlo a partecipare ad eventuali ricerche di mercato che permettano sia di valutare il grado di soddisfazione che di sviluppare prodotti migliori.
 
Come vengono raccolti i dati personali
Le informazioni riguardanti gli utenti vengono raccolte in molti modi. Per esempio, le informazioni utilizzabili per contattare l'utente possono essere richieste quando egli scrive a Banfi S.r.l., telefona per richiedere un servizio o partecipa a un sondaggio online. Inoltre, quando viene effettuata l'iscrizione a servizi Internet Banfi S.r.l. o l'iscrizione a una mailing list, vengono fornite informazioni che sono poi raccolte ed archiviate all'interno di un database sicuro.
 
Quando vengono rivelati i dati personali
Può accadere che sia necessario rivelare i dati personali dei clienti per legge o durante un procedimento legale o qualora fosse necessario per il pubblico interesse.
 
Come vengono tutelati i dati personali
Banfi S.r.l. tutela la sicurezza dei dati che gli utenti inviano, utilizzando procedure fisiche, elettroniche e gestionali. Banfi S.r.l. invita gli utenti a prendere le necessarie precauzioni per proteggere i propri dati personali su Internet. Banfi S.r.l. suggerisce di modificare spesso le password, utilizzando una combinazione di lettere e di numeri e assicurandosi di utilizzare un browser sicuro.

Accedere alle informazioni personali
L'utente può in ogni momento accedere alle informazioni che lo riguardano. Per consultare e aggiornare le informazioni personali informazioni personali che Banfi S.r.l. ha raccolto, è possibile contattare banfi@banfi.it.
 
Raccolta di altre informazioni personali
È possibile navigare nel sito di Banfi S.r.l. in modo anonimo. Tuttavia, il browser comunica automaticamente il tipo di computer e di sistema operativo utilizzati.

Come molti altri siti web, il sito web di Banfi S.r.l. utilizza la tecnologia "cookie". La prima volta che l'utente si collega al sito, il cookie identifica il browser con un numero casuale univoco. I cookie utilizzati non rivelano alcuna informazione di carattere personale dell'utente, tranne eventualmente il nome di battesimo che viene utilizzato per dare il benvenuto al momento della visita successiva. I cookie consentono di capire quali parti dei siti sono consultate con maggiore frequenza, quali sono i percorsi dei visitatori e per quanto tempo essi rimangono collegati. I cookie vengono utilizzati per studiare gli schemi di traffico sul sito Banfi S.r.l. così da poterlo migliorare.