Castello Banfi - News & Eventi
Vai giù

News & Eventi

2011 3 Settembre

VENDEMMIA DI BRUNELLO 2011: PER CASTELLO BANFI, LA SELEZIONE E' LA CHIAVE DEL SUCCESSO

Cristina Mariani-May, proprietaria della rinomata cantina Castello Banfi di Montalcino, si sta preparando con il suo team di enologi per una delle vendemmie di Brunello di Montalcino più interessanti e impegnative degli ultimi anni.

 “Le variazioni meteorologiche dei mesi passati ci hanno regalato condizioni climatiche inaspettate” dice Cristina Mariani-May. “La breve, ma intensa, ondata di caldo ha avuto come effetto una riduzione della produzione: adesso è quindi necessario prestare particolari attenzioni e cure sia in vigna che in cantina. Le continue ricerche effettuate ed il nostro perseverare  alla ricerca dell’eccellenza, ci permettono di poter affrontare condizioni avverse, pur mantenendo altissimi standard qualitativi, sia per i nostri Brunelli di Montalcino che per i SuperTuscans”.

L’annata 2011 è iniziata tardi, con una primavera fresca e abbondanti piogge. Le temperature al di sotto delle medie stagionali, sono continuate fino a luglio, ma a partire da metà agosto e fino all’inizio di settembre, gli effetti dell’anticiclone sopra il continente africano, hanno portato le temperature ben al di sopra dei 38 gradi centigradi. Le vigne hanno avuto a disposizione sufficienti risorse idriche, evitando lo stress. Tuttavia, in quei vigneti dove le uve sono rimaste più esposte, il sole a picco ha letteralmente ustionato i chicchi.

Queste condizioni sono radicalmente differenti dal grande caldo del 2003, ed anche dal clima tendenzialmente freddo del 2002: quest’annata assomiglia di più alla vendemmia del 2000, che è iniziata in modo analogo con clima generalmente più fresco seguito poi da un momentaneo, ma intenso, innalzamento delle temperature durante agosto.

“Abbiamo finito  la vendemmia dei bianchi la scorsa settimana, con una riduzione improvvisa della resa dal 30% fino al 40%”, ha detto Cristina Mariani-May. “Questa settimana abbiamo iniziato la vendemmia di Merlot e Syrah: la chiave è stata la raccolta a mano delle uve, e questo metodo sarà ancor più vitale nelle prossime settimane, nel momento in cui inizieremo la raccolta del sensibile Sangiovese. Di fronte ad una buona qualità delle uve in genere, dobbiamo selezionare con cura le uve nei vigneti, e poi controllarle nuovamente quando arrivano in cantina”.

 Sin dalla nascita di Castello Banfi nel 1978, le uve dei vigneti per la produzione dei vini più importanti, sono state sempre raccolte a mano. Nel 2007, tuttavia, è stato aggiunto un doppio triage nella scelta delle uve in cantina: un primo, generale controllo manuale dei grappoli che arrivano in cantina, seguito da una selezione individuale degli acini diraspati, e portata poi a termine con un ulteriore screening ottico, che effettua test di peso e densità. Le uve selezionate sono poi vinificate separatamente nei fermentini individuali Horizon, tini compositi in acciaio inossidabile e rovere francese, sviluppati e brevettati da Castello Banfi con l’obiettivo di ottenere il meglio da entrambi i materiali utilizzati. Castello Banfi, in collaborazione con le università di Pisa e di Milano, ha portato avanti una ricerca  finalizzata ad isolare una selezione di eccellenti cloni di Sangiovese  in grado di produrre un Brunello di Montalcino eccezionale.

“Avremmo preferito avere condizioni atmosferiche favorevoli come nel 2001, 2004, 2007 e 2009”, ha dichiarato Cristina Mariani-May “ma decenni di ricerche ci hanno preparati ad affrontare i capricci della natura, ed il nostro team sa come comportarsi in vendemmie come queste”.

 Castello Banfi, cantina della famiglia Mariani, è stata insignita per 12 volte Miglior Cantina Italiana al Vinitaly per aver saputo coniugare, nei trenta anni della sua storia, imprenditorialità, alta qualità, innovazione tecnologica e tradizione, sempre nel massimo rispetto del territorio. Prima cantina ad ottenere le certificazioni di Responsabilità Etica, Sociale ed Ambientale (ISO 14001 e SA 8000) e di Qualità dei Prodotti e dei Servizi e Rispetto del Cliente (ISO 9001:2000). Il castello medievale che domina i vigneti è divenuto un punto chiave dell’ospitalità toscana con wine bar enoteca, il ristorante La Taverna, Il Borgo boutique hotel ed il museo del Vetro. 

VENDEMMIA DI BRUNELLO 2011:  PER CASTELLO BANFI, LA SELEZIONE E

PRIVACY POLICY

La tutela della privacy per Banfi S.r.l. è fondamentale. Banfi S.r.l. si impegna a mantenere riservate le informazioni personali degli utenti. È possibile offrire un servizio migliore facendo in modo che l'utente sia consapevole e capisca le norme e i criteri adottati per la tutela della privacy. I criteri che utilizza Banfi S.r.l. nel trattamento dei dati personali sono indicati di seguito.
 
Perchè vengono raccolti i dati personali
Banfi S.r.l. raccoglie e utilizza le informazioni personali degli utenti per garantire un servizio migliore e per facilitare l'accesso a una vasta gamma di prodotti e servizi. Inoltre, i dati personali vengono utilizzati per mantenere ogni utente aggiornato su nuovi prodotti e su altre informazioni che Banfi S.r.l. ritiene possano interessare. Inoltre, i dati personali possono essere utilizzati per contattare l'utente per invitarlo a partecipare ad eventuali ricerche di mercato che permettano sia di valutare il grado di soddisfazione che di sviluppare prodotti migliori.
 
Come vengono raccolti i dati personali
Le informazioni riguardanti gli utenti vengono raccolte in molti modi. Per esempio, le informazioni utilizzabili per contattare l'utente possono essere richieste quando egli scrive a Banfi S.r.l., telefona per richiedere un servizio o partecipa a un sondaggio online. Inoltre, quando viene effettuata l'iscrizione a servizi Internet Banfi S.r.l. o l'iscrizione a una mailing list, vengono fornite informazioni che sono poi raccolte ed archiviate all'interno di un database sicuro.
 
Quando vengono rivelati i dati personali
Può accadere che sia necessario rivelare i dati personali dei clienti per legge o durante un procedimento legale o qualora fosse necessario per il pubblico interesse.
 
Come vengono tutelati i dati personali
Banfi S.r.l. tutela la sicurezza dei dati che gli utenti inviano, utilizzando procedure fisiche, elettroniche e gestionali. Banfi S.r.l. invita gli utenti a prendere le necessarie precauzioni per proteggere i propri dati personali su Internet. Banfi S.r.l. suggerisce di modificare spesso le password, utilizzando una combinazione di lettere e di numeri e assicurandosi di utilizzare un browser sicuro.

Accedere alle informazioni personali
L'utente può in ogni momento accedere alle informazioni che lo riguardano. Per consultare e aggiornare le informazioni personali informazioni personali che Banfi S.r.l. ha raccolto, è possibile contattare banfi@banfi.it.
 
Raccolta di altre informazioni personali
È possibile navigare nel sito di Banfi S.r.l. in modo anonimo. Tuttavia, il browser comunica automaticamente il tipo di computer e di sistema operativo utilizzati.

Come molti altri siti web, il sito web di Banfi S.r.l. utilizza la tecnologia "cookie". La prima volta che l'utente si collega al sito, il cookie identifica il browser con un numero casuale univoco. I cookie utilizzati non rivelano alcuna informazione di carattere personale dell'utente, tranne eventualmente il nome di battesimo che viene utilizzato per dare il benvenuto al momento della visita successiva. I cookie consentono di capire quali parti dei siti sono consultate con maggiore frequenza, quali sono i percorsi dei visitatori e per quanto tempo essi rimangono collegati. I cookie vengono utilizzati per studiare gli schemi di traffico sul sito Banfi S.r.l. così da poterlo migliorare.