Castello Banfi - News & Eventi
Vai giù

News & Eventi

2016 12 Gennaio

HARRY, L’UOMO CHE LANCIÒ IL BRUNELLO NEGLI USA

È stato l’uomo del successo americano del Lambrusco e del Brunello di Montalcino. Harry Mariani è morto a Huntington, New York. La notizia è stata data da Wine Spectator. Aveva 78 anni. Con il fratello John era presidente onorario di Castello Banfi, l’azienda di famiglia in Toscana.

Tutto è iniziato con una piccola società che importava vini e cibi per gli italo americani di New York. La aprì il padre dei due fratelli, nel 1919, nel Greenwich Village. Nel 1964 Harry diventò il presidente, il fratello l’amministratore delegato. Il primo era attento ai conti e pacato. Il secondo estroverso e pieno di idee. I due si misero alla ricerca di nuovi mercati. E si imbatterono a Milano in un partigiano, Walter Sacchetti, senatore e «ambasciatore» delle coop emiliane nel mondo. Era il 1967: il compagno Spartaco convinse John Mariani a portare il Lambrusco in America. Fu un successo: 11 milioni di casse l’anno, grazie alla spinta delle Cantine Riunite, guidate proprio da Sacchetti. Gli americani volevano «The Italian Coca Cola», come definì Harry il Lambrusco, rendendolo più facile, dolce e frizzante. Nel 1983 diventò il primo vino italiano consumato negli States. Finì persino in lattina. Poi la discesa.

Harry e John, con le casse piene grazie al Lambrusco, sbarcarono a Montalcino nella metà degli anni 70. Diventando da importatori a produttori. Si vendevano, allora, solo 300 mila bottiglie di Brunello, era uno sconosciuto per i consumatori statunitensi (l’ultima annata sul mercato, la 2010, ha superato i 9,2 milioni di bottiglie). L’enologo dei Mariani, Ezio Rivella, ha raccontato nel suo libro Io e Brunello (Baldini Castoldi Dalai) che la zona dove stava per nascere Castello Banfi era «desolata». Harry voleva grandi spazi e Rivella comprò «a prezzi irrisori», 2.830 ettari, di cui 850 a Sangiovese e Moscadello, e il castello medievale di Giovanni Mastropaolo.

La cantina, aperta con una festa hollywoodiana, era in grado di produrre il doppio di tutti gli altri vignaioli di Montalcino messi assieme. L’ostilità iniziale («fate il vino dolce per gli americani») sparì quando il milione di bottiglie di Castello Banfi consacrò il lancio del Brunello nel mondo. Ora Montalcino ha perso un pezzo della sua storia novecentesca.

(Fonte: divini.corriere.it)

HARRY, L’UOMO CHE LANCIÒ IL BRUNELLO NEGLI USA

PRIVACY POLICY

La tutela della privacy per Banfi S.r.l. è fondamentale. Banfi S.r.l. si impegna a mantenere riservate le informazioni personali degli utenti. È possibile offrire un servizio migliore facendo in modo che l'utente sia consapevole e capisca le norme e i criteri adottati per la tutela della privacy. I criteri che utilizza Banfi S.r.l. nel trattamento dei dati personali sono indicati di seguito.
 
Perchè vengono raccolti i dati personali
Banfi S.r.l. raccoglie e utilizza le informazioni personali degli utenti per garantire un servizio migliore e per facilitare l'accesso a una vasta gamma di prodotti e servizi. Inoltre, i dati personali vengono utilizzati per mantenere ogni utente aggiornato su nuovi prodotti e su altre informazioni che Banfi S.r.l. ritiene possano interessare. Inoltre, i dati personali possono essere utilizzati per contattare l'utente per invitarlo a partecipare ad eventuali ricerche di mercato che permettano sia di valutare il grado di soddisfazione che di sviluppare prodotti migliori.
 
Come vengono raccolti i dati personali
Le informazioni riguardanti gli utenti vengono raccolte in molti modi. Per esempio, le informazioni utilizzabili per contattare l'utente possono essere richieste quando egli scrive a Banfi S.r.l., telefona per richiedere un servizio o partecipa a un sondaggio online. Inoltre, quando viene effettuata l'iscrizione a servizi Internet Banfi S.r.l. o l'iscrizione a una mailing list, vengono fornite informazioni che sono poi raccolte ed archiviate all'interno di un database sicuro.
 
Quando vengono rivelati i dati personali
Può accadere che sia necessario rivelare i dati personali dei clienti per legge o durante un procedimento legale o qualora fosse necessario per il pubblico interesse.
 
Come vengono tutelati i dati personali
Banfi S.r.l. tutela la sicurezza dei dati che gli utenti inviano, utilizzando procedure fisiche, elettroniche e gestionali. Banfi S.r.l. invita gli utenti a prendere le necessarie precauzioni per proteggere i propri dati personali su Internet. Banfi S.r.l. suggerisce di modificare spesso le password, utilizzando una combinazione di lettere e di numeri e assicurandosi di utilizzare un browser sicuro.

Accedere alle informazioni personali
L'utente può in ogni momento accedere alle informazioni che lo riguardano. Per consultare e aggiornare le informazioni personali informazioni personali che Banfi S.r.l. ha raccolto, è possibile contattare banfi@banfi.it.
 
Raccolta di altre informazioni personali
È possibile navigare nel sito di Banfi S.r.l. in modo anonimo. Tuttavia, il browser comunica automaticamente il tipo di computer e di sistema operativo utilizzati.

Come molti altri siti web, il sito web di Banfi S.r.l. utilizza la tecnologia "cookie". La prima volta che l'utente si collega al sito, il cookie identifica il browser con un numero casuale univoco. I cookie utilizzati non rivelano alcuna informazione di carattere personale dell'utente, tranne eventualmente il nome di battesimo che viene utilizzato per dare il benvenuto al momento della visita successiva. I cookie consentono di capire quali parti dei siti sono consultate con maggiore frequenza, quali sono i percorsi dei visitatori e per quanto tempo essi rimangono collegati. I cookie vengono utilizzati per studiare gli schemi di traffico sul sito Banfi S.r.l. così da poterlo migliorare.