Castello Banfi - Dicono di Noi - News & press - Comunicati Stampa
Castello Banfi
Vai giù
2005 16 Aprile

GLOBALIZZAZIONE DEL VINO, IL NUOVO MONDO NON FA PIU’ PAURA: ORA SONO PROPRIO LE GRANDI CANTINE ITALIANE A DISTRIBUIRE, INSIEME ALLE PROPRIE BOTTIGLIE, ANCHE ETICHETTE CILENE E AUSTRALIANE

 

Castello Banfi di Montalcino affianca al Brunello

i vini Stonehaven (Australia), Punta  Nogal e Concha y Toro (Cile), Champagne Joseph Perrier

 

(Montalcino, Aprile 2005) Se il tuo nemico è troppo forte per sconfiggerlo, alleati con lui: sembrano ispirarsi all’antica massima orientale quelle aziende del vino italiano che, di fronte alla minaccia proveniente dai concorrenti del Nuovo Mondo, hanno deciso di diventare “amici” dell’avversario, e inseriscono nel proprio portafoglio-prodotti vini australiani e cileni accanto alle bottiglie a marchio proprio. ComeCastello Banfi, la più grande realtà produttiva di Montalcino (60 milioni di euro di fatturato nel 2004) che distribuisce dal 2001, insieme al Brunello e ai vini della tenuta piemontese Vigne  Regali,  anche gli australiani di Stonehaven a cui si sono aggiunti nel 2004 i cileni di Punta Nogal e lo Champagne Joseph Perrier. Di questi giorni è poi l’accordo, sempre in esclusiva, per la  distribuzione  in  Italia  dei vini della più grande e prestigiosa  azienda vitivinicola del Sud America, la cilena Concha y Toro, i cui  vini sono esportati in oltre 100 Paesi nei cinque continenti. Adesso siamo di fronte ad uno scenario fino a poco tempo fa impensabile: i vini concorrenti entrano dalla porta principale, tenuta gentilmente aperta proprio dalle aziende di casa nostra. Una strategia di marketing completamente diversa da quella delle aziende italiane che investono all’estero producendo vini a marchio proprio, e frutto di una pianificazione commerciale che viene da lontano, basti pensare che i marchi attualmente distribuiti da Banfi in Italia sono gli stessi (a parte lo champagne) di quelli distribuiti da Banfi negli Stati Uniti. SecondoEnrico Viglierchio, direttore di Castello Banfi: “Da sempre la Banfi si è caratterizzata nel mondo del vino per il suo approccio innovativo, e talvolta pionieristico, sia dal lato produttivo che da quello commerciale e di marketing. In quest’ottica è nato il progetto di distribuzione di prodotti provenienti da altre regioni viticole quali Francia, Cile ed Australia. Il consumatore di oggi, oltre ad una sempre più profonda conoscenza dei prodotti della tradizione italiana, ama ed è incuriosito da quello che accade nel mondo vinicolo nella sua globalità. Ed è sulla comparazione, il confronto e la conoscenza di queste realtà che si basa la nostra continua crescita nel comprendere l'evoluzione del consumatore di oggi e di domani. La Banfi ha voluto fare propria questa filosofia offrendo la possibilità di degustare un portafoglio prodotti che racchiude le più importanti realtà viticole nel panorama mondiale: dalla Toscana al Piemonte, dallo Champagne al Cile, fino all'Australia. I vini sono a nostro parere una “porta privilegiata” per degustare territori diversi, apprezzarne le loro peculiarità e tipicità e valorizzare l’inscindibile legame vino-territorio”. 

Si fa dunque strada una nuova e inaspettata tendenza nell’enologia del nostro Paese, un atteggiamento sempre più aperto verso la globalizzazione del vino. A contrapporsi due schieramenti: da una parte c’è chi investe sui vitigni autoctoni, chi demonizza i vini a matrice internazionale, chi protesta contro le multinazionali del vino, dall’altra c’è chi comincia a ragionare in modo differente. La globalizzazione secondo alcune aziende di casa nostra è ormai un dato di fatto: che si sia favorevoli o contrari, si tratta di un processo difficilmente arrestabile. L’Italia è ancora un’isola felice, ma basta andare in Inghilterra, Francia, Spagna o Germania per trovare ovunque vini del Nuovo Mondo accanto a quelli europei. L’offensiva di Cile, Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica ha costretto i produttori storici di vino a cercare nuove strategie di marketing, sempre più importanti rispetto al prodotto in sé stesso. In quest’ottica “realistica” è certo più remunerativo trarre vantaggio dalla vendita di vini stranieri grazie ad un accordo distributivo, piuttosto che impegnarsi in una strenua (per molti vana) difesa delle proprie posizioni commerciali. La concorrenza del vino si gioca ormai su uno scacchiere globale, tutti contro tutti, e le posizioni acquisite non servono più a vincere. Basti pensare che in Gran Bretagna la Francia non vanta più la leadership immutata da secoli, sorpassata da nuovi e agguerriti marchi internazionali, e presto anche in Italia sarà normale trovare sugli scaffali di tutti i supermercati, anche quelli piccoli o periferici, vini in arrivo da tutto il mondo. 

 

 

Montalcino, aprile 2005

 

 

Relazioni con la stampa:

Alessandro Regoli, Irene Chiari, Eleonora Ciolfi 

53024 Montalcino (Siena)

Studio 0577/848609 - Cell. 348/2249452 - 348/7923559 - 347/2985993

E-mail: info@winenews.it - Web: www.winenews.it

 

 

 

 

 

PRIVACY POLICY

La tutela della privacy per Banfi S.r.l. è fondamentale. Banfi S.r.l. si impegna a mantenere riservate le informazioni personali degli utenti. È possibile offrire un servizio migliore facendo in modo che l'utente sia consapevole e capisca le norme e i criteri adottati per la tutela della privacy. I criteri che utilizza Banfi S.r.l. nel trattamento dei dati personali sono indicati di seguito.
 
Perchè vengono raccolti i dati personali
Banfi S.r.l. raccoglie e utilizza le informazioni personali degli utenti per garantire un servizio migliore e per facilitare l'accesso a una vasta gamma di prodotti e servizi. Inoltre, i dati personali vengono utilizzati per mantenere ogni utente aggiornato su nuovi prodotti e su altre informazioni che Banfi S.r.l. ritiene possano interessare. Inoltre, i dati personali possono essere utilizzati per contattare l'utente per invitarlo a partecipare ad eventuali ricerche di mercato che permettano sia di valutare il grado di soddisfazione che di sviluppare prodotti migliori.
 
Come vengono raccolti i dati personali
Le informazioni riguardanti gli utenti vengono raccolte in molti modi. Per esempio, le informazioni utilizzabili per contattare l'utente possono essere richieste quando egli scrive a Banfi S.r.l., telefona per richiedere un servizio o partecipa a un sondaggio online. Inoltre, quando viene effettuata l'iscrizione a servizi Internet Banfi S.r.l. o l'iscrizione a una mailing list, vengono fornite informazioni che sono poi raccolte ed archiviate all'interno di un database sicuro.
 
Quando vengono rivelati i dati personali
Può accadere che sia necessario rivelare i dati personali dei clienti per legge o durante un procedimento legale o qualora fosse necessario per il pubblico interesse.
 
Come vengono tutelati i dati personali
Banfi S.r.l. tutela la sicurezza dei dati che gli utenti inviano, utilizzando procedure fisiche, elettroniche e gestionali. Banfi S.r.l. invita gli utenti a prendere le necessarie precauzioni per proteggere i propri dati personali su Internet. Banfi S.r.l. suggerisce di modificare spesso le password, utilizzando una combinazione di lettere e di numeri e assicurandosi di utilizzare un browser sicuro.

Accedere alle informazioni personali
L'utente può in ogni momento accedere alle informazioni che lo riguardano. Per consultare e aggiornare le informazioni personali informazioni personali che Banfi S.r.l. ha raccolto, è possibile contattare banfi@banfi.it.
 
Raccolta di altre informazioni personali
È possibile navigare nel sito di Banfi S.r.l. in modo anonimo. Tuttavia, il browser comunica automaticamente il tipo di computer e di sistema operativo utilizzati.

Come molti altri siti web, il sito web di Banfi S.r.l. utilizza la tecnologia "cookie". La prima volta che l'utente si collega al sito, il cookie identifica il browser con un numero casuale univoco. I cookie utilizzati non rivelano alcuna informazione di carattere personale dell'utente, tranne eventualmente il nome di battesimo che viene utilizzato per dare il benvenuto al momento della visita successiva. I cookie consentono di capire quali parti dei siti sono consultate con maggiore frequenza, quali sono i percorsi dei visitatori e per quanto tempo essi rimangono collegati. I cookie vengono utilizzati per studiare gli schemi di traffico sul sito Banfi S.r.l. così da poterlo migliorare.